Logo del Liceo classico Scaduto

Vai alla pagina iniziale

Liceo classico statale Francesco Scaduto

Via Dante, 22 – 90011 Bagheria – Tel. 091 961359 – Fax 091 963848
e-mail papc01000v@istruzione.it - pec papc01000v@pecistruzione.it

Codice Scuola PAPC01000V – Distretto 7/45 – Codice Fiscale 90007790828

Emblema della Repubblica Italiana

Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca


Regolamento

Principi

Diritti e doveri degli studenti

Norme di comportamento

Entrata e uscita alunni

Movimento all’interno degli spazi scolastici

Assenze

Disposizioni di sicurezza

Sanzioni

Carattere delle sanzioni

Tipologia delle sanzioni

Organi competenti a comminare la sanzione

Procedimento

Organo di Garanzia

Criteri di formazione

Insegnamenti complementari e attività integrative

Consiglio di classe

Collegio dei docenti

Consiglio d’Istituto e Giunta esecutiva

Assemblee degli studenti e dei genitori

Orario e rapporti con le famiglie

Sperimentazione metodologica didattica

 

Vorrei vivere in un posto
che è nei miei sogni,
in un posto dove il rispetto della legge
è rispetto di tutte le persone.
Dove c’è rispetto per i diritti degli uomini,
dove si tiene conto delle loro aspirazioni,
dei loro desideri, delle loro idee.
La legalità mi dà sicurezza, certezza.
Legalità è libertà
di vivere la vita con serenità
senza essere rincorsi da uomini senza rimorsi,
che fanno dell’illegalità
la loro forza, negando
la forza della verità

 

Principi    torna su

1.L’attività della scuola si ispira costantemente ai principi affermati dalla Costituzione della Repubblica italiana e dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.
Essa è innanzitutto indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

2. La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante l'acquisizione delle conoscenze, lo sviluppo della coscienza critica e del senso storico.
Essa è insieme una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori della vita democratica e della partecipazione consapevole e responsabile.
Nella scuola ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio.

3. La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui è parte, fonda il suo progetto e la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle conoscenze e all'inserimento nella vita attiva.

4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale.

5. La comunità scolastica, nel convincimento che la trasmissione del sapere e la sua continua elaborazione sono tra loro indissolubilmente legate, favorisce ogni tipo di attività culturale attenta alla dimensione sperimentale capace di elaborare criticamente i valori della tradizione e gli apporti della esperienza, ed incoraggia, in particolare, la ricerca didattico-disciplinare rivolta al miglioramento dell'efficacia del processo di insegnamento e di apprendimento.

6. La scuola, in collegamento costante con la realtà territoriale e sociale, è attivamente impegnata a rendere l’offerta formativa sempre più rispondente ai bisogni della nostra vita e alle sfide del terzo millennio.
A questo scopo promuove:
– la partecipazione responsabile di tutte le componenti (docenti, alunni, famiglie, comunità locali);
– la valorizzazione dei bisogni specifici del territorio;
– la valorizzazione delle competenze specifiche della scuola e della comunità in cui è inserita;
– il costante raccordo con gli obiettivi nazionali del sistema di istruzione;
– l’attenta considerazione della dimensione globale delle dinamiche culturali, economiche e sociali, e degli strumenti tecnologici che consentono apertura internazionale all’esperienza formativa della comunità scolastica.

7. La comunità scolastica riconosce e riafferma la libertà di insegnamento.
In spirito di collaborazione con il Collegio dei docenti e con tutte le altre componenti della scuola, ed in armonia con le finalità definite dal Piano dell’Offerta Formativa e con i principi del presente Regolamento, ciascun docente esercita la propria funzione in piena autonomia in riferimento ai propri convincimenti e alle proprie scelte culturali.

 

Diritti e doveri degli studenti    torna su

8. Gli studenti hanno diritto:
– a una formazione culturale qualificata che rispetti e valorizzi, anche attraverso l’orientamento, l’identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee;
– di essere informati sulle decisioni e sulle scelte che regolano la vita della scuola;
– alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola, soprattutto in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico;
– a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che li conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il loro rendimento;
– ad esprimere la loro opinione, mediante una consultazione, nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull’organizzazione della scuola;
– a esercitare autonomamente il diritto di scelta tra le attività opzionali e tra le attività facoltative offerte dalla scuola;
– a riunirsi in assemblea a livello di classe, di corso e di istituto;
– a vedersi garantito l’esercizio del diritto di associazione e del diritto degli studenti e associati a svolgere iniziative all’interno della scuola, nonché l’utilizzo di locali;
– a essere consultati prima dell’adozione dei regolamenti della scuola e della carta dei servizi;
– a ricevere copia dei documenti fondamentali che regolano la vita dell’istituzione scolastica all’atto della iscrizione;
– ad avere la disponibilità di un’adeguata strumentazione tecnologica;
– ad avere ambienti sicuri e puliti, adeguati anche per i portatori di handicap;
– ad avere offerte formative aggiuntive e integrative, anche mediante il sostegno di iniziative liberamente assunte dagli studenti e dalle loro associazioni;

9. Gli studenti hanno il dovere di:
– frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio;
– avere nei confronti del capo d’istituto, dei docenti, del personale della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi;
– utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola;
– osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate da presente regolamento.

Norme di comportamento     torna su

10. Nell'esercizio dei loro diritti e nell'adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti a mantenere un comportamento corretto e coerente con i principi enunciati dal presente regolamento.
La conoscenza e la condivisione delle finalità della vita della comunità scolastica comporta infatti l’accettazione delle regole di comportamento che rendono possibile il raggiungimento dei fini sopra definiti nell’ambito dei Principi.

11. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l'ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola.

12. La disciplina è innanzitutto affidata alla sensibilità e all’autocontrollo degli studenti.
E’ vietato ogni comportamento che possa, in ogni modo, arrecare disturbo al regolare svolgimento delle attività scolastica. Il personale della scuola vigila sugli alunni intervenendo, con opportuni richiami, quando la condotta interferisca con la sfera di loro competenza.

13. E’ vietato ogni comportamento che possa risultare lesivo della salute degli altri componenti della comunità.
E’ vietato per tutti fumare in classe, nei corridoi e nei servizi.

 

Entrata ed uscita alunni     torna su

14. Si raccomanda la puntualità come condizione essenziale per un avvio ordinato delle attività.

Gli alunni che alla prima ora di lezione dovessero giungere in classe con un ritardo fino a 5 minuti saranno ammessi a discrezione del docente in servizio; se l’ingresso non sarà consentito, i ritardatari entreranno all’inizio della seconda ora. Il ritardo sarà annotato sul registro di classe.

Qualora il ritardo dovesse superare il limite dei 5 minuti, gli alunni dovranno rivolgersi al Preside o al vicepreside o, in loro assenza o impedimento, ai collaboratori di Presidenza, per ottenere l’ammissione in classe alla seconda ora. Se tale ammissione sarà concessa se ne farà regolare annotazione sul registro di classe.
Nell’attesa di essere ammessi in classe gli alunni non dovranno per nessun motivo allontanarsi dall’Istituto. Presidenza, docenti interessati e personale ausiliario presteranno la necessaria attenzione nel tempo della permanenza nei locali della scuola degli alunni non ancora ammessi in classe.

15. Si raccomanda agli alunni di limitare a situazioni di necessità imprevedibile o improrogabile sia i ritardi sia le richieste di uscita anticipata, che costituiscono motivo evidente di disturbo all’ordinato svolgimento delle attività e di disagio per gli alunni stessi.
Per poter uscire prima della fine delle lezioni gli alunni dovranno essere affidati direttamente al genitore da parte del docente in servizio nell’ora di lezione, che, concesso il permesso di uscita anticipata curerà di annotarla sul registro di classe.

16. Sia gli ingressi in ritardo che le uscite anticipate, oltre che nel registro di classe, saranno annotate, in un apposito registro, a cura dell’ufficio di presidenza.
Al terzo ingresso in ritardo e alla terza uscita anticipata, anche non consecutivi, i genitori dell’alunno interessato saranno convocati a scuola.

17. Agli alunni maggiorenni le uscite anticipate saranno consentite previa presentazione al Preside o, in sua assenza, ai collaboratori, di motivata richiesta sottoscritta, sulla quale, dopo adeguata valutazione, si apporrà formale autorizzazione.
In caso di uscita anticipata per visite mediche, analisi e terapie varie, gli alunni dovranno esibire il giorno successivo, insieme alla giustificazione, copia del certificato attestante che l’intervento sanitario ha effettivamente avuto luogo nel giorno e nelle ore dichiarate per ottenere il relativo permesso.

 

Movimento all’interno degli spazi scolastici    torna su

18. Negli spostamenti dalla classe ai laboratori, alla palestra, alla biblioteca o ad altro luogo sede dell’attività scolastica programmata, gli alunni terranno un atteggiamento composto, in modo da non interferire con l’attività delle altre classi.

19. E’ fatto divieto agli alunni di allontanarsi dalla propria classe, dal laboratorio o da altro ambiente in cui si svolge l’attività che li vede impegnati, se non per esigenze improrogabili e per il tempo strettamente necessario, previa autorizzazione dei docenti, i quali potranno consentire tali uscite temporanee ed eccezionali a non più di due alunni per volta.
In ogni caso gli alunni non indugeranno nei corridoi né si soffermeranno in gruppo a conversare rumorosamente; in tale evenienza è doveroso l’intervento dei docenti e del personale ausiliario per invitare gli alunni a rientrare sollecitamente in classe.

 

Assenze    torna su

20. La frequenza delle lezioni è obbligatoria.
Per le eventuali assenze occorre presentare richiesta di giustificazione sull’apposito libretto.
Il genitore dell’alunno minorenne è tenuto ad apporre la propria firma, convalidando le motivazioni dell’assenza.
Il certificato medico è d’obbligo per le assenze superiori ai cinque giorni.
In caso di assenze collettive, quali ne siano i motivi, al rientro gli alunni esibiranno una dichiarazione dei genitori dalla quale risulti che sono al corrente dell’assenza.

 

Disposizioni di sicurezza     torna su

21. E’ fatto divieto in ogni ambiente e in ogni momento della vita della scuola, sia negli ambienti ove si svolgono le attività – specie in presenza di apparecchiature e fonti di elettricità –, sia negli spostamenti all’interno degli spazi scolastici, di assumere atteggiamenti o compiere atti che possano direttamente o indirettamente provocare danni alle persone e alle cose.
In caso di incendio, terremoto, pubblica calamità o di qualsivoglia situazione di emergenza ci si atterrà scrupolosamente ai piani predisposti, di cui è data minuziosa informazione agli alunni e al personale della scuola.
Si terrà almeno una volta all’anno una esercitazione che simuli le condizioni di emergenza e verifichi l’efficienza delle misure adottate.

 

Sanzioni    torna su

22. Lo studente che non osservi le disposizioni organizzative e di sicurezza, che non utilizzi correttamente le strutture, i macchinari, i sussidi e arrechi danno al patrimonio della scuola, che nell'esercizio dei suoi diritti e nell'adempimento dei suoi doveri non mantenga un comportamento corretto e coerente con i principi enunciati dal presente regolamento sarà sanzionato in proporzione alla gravità della mancanza.

 

Carattere delle sanzioni     torna su

23. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica.

24. La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto.

25. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità.

26. Le sanzioni devono tenere conto della situazione personale dello studente – anche con riferimento ad eventuale reiterazione dell’infrazione o, al contrario, del suo carattere fortuito –, non avere un carattere lesivo della sua salute o mortificante della sua personalità e dignità umana, e devono essere ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno.

 

Tipologia delle sanzioni     torna su

27. Le sanzioni possono consistere in:

  • Ammonizione privata o in classe
  • Allontanamento dalla lezione
  • Sospensione delle lezioni con obbligo di frequenza
  • Sospensione delle lezioni e della frequenza, senza allontanamento della comunità scolastica
  • Allontanamento dalla comunità scolastica fino a quindici giorni
  • Svolgimento temporaneo di attività aggiuntive in favore della collettività scolastica, eventualmente cumulato alla sospensione delle lezioni.

Le attività sono determinate dall’organo competente ad infliggere la sanzione. Tali servizi si svolgeranno in orario non coincidente con quello della lezione, nel caso in cui la sanzione non preveda la sospensione dell’obbligo della frequenza. Altrimenti si potranno svolgere durante le ore di lezione, purché ciò non turbi od impedisca il normale svolgimento delle attività didattiche.

28. Nel caso in cui la mancanza abbia causato un danno materiale all’edificio, agli arredi, ai sussidi o alle apparecchiature, come pure ai beni di terze persone, la sanzione deve comprendere la riparazione del danno. Ciò può avvenire in modo diretto (lavoro manuale) o indiretto (corresponsione del costo di riparazione dell’oggetto danneggiato), a giudizio dell’ordine competente ad infliggere la sanzione. L’eventuale costo dei materiali o attrezzature necessarie per la riparazione rimane a carico dell’alunno. Le attrezzature da lui eventualmente acquistate a tale scopo rimangono di proprietà dell’alunno.

29. Per i casi in cui non fosse possibile individuare il responsabile, poiché le spese necessarie per riparare i danneggiamenti restano a carico della comunità scolastica, si istituisce una indennità di riparazione che renda più chiaramente visibile il danno arrecato alla comunità, favorisca il rispetto e l’attenzione per l’integrità delle cose comuni, consenta di non sottrarre risorse destinabili ad altre attività della scuola.
L’indennità, calcolata sugli eventuali danneggiamenti verificatesi nel corso dell’anno ed equamente ripartita tra tutta la scolaresca, sarà versata all’atto della iscrizione all’anno successivo da parte di ciascun alunno. Sono esclusi gli iscritti per la prima volta al primo anno.

30. E’ consentita allo studente la possibilità di convertire anche la sospensione e l’allontanamento in attività utili alla comunità scolastica. La scelta dell’attività è operata, su richiesta dell’interessato, dall’organo competente ad infliggere la sanzione.

 

Organi competenti a comminare la sanzione    torna su

31. La sanzione può essere comminata, in rapporto alla gravità della mancanza, dagli insegnanti, dal Preside, dal Consiglio di classe o dal Consiglio di Istituto, secondo le seguenti competenze.

Insegnante:
– Ammonizione privata o in classe
– Allontanamento dalla lezione per non più di un’ora

Preside:
– Sospensione dalle lezioni, senza allontanamento dalla comunità scolastica, fino a cinque giorni
– Attività in favore della comunità scolastica

Consiglio di classe:
– Allontanamento dalla scuola fino a cinque giorni

Consiglio di Istituto (o Giunta esecutiva):
– Allontanamento dalla comunità scolastica fino a quindici giorni
L’autorità competente ad infliggere punizioni di un dato grado può sempre infliggere quelle di grado inferiore.

 

Procedimento    torna su

32. L’autorità competente può deliberare la sanzione solo dopo la contestazione degli addebiti allo studente interessato, e solo dopo che questi è stato invitato a esporre le proprie ragioni, eventualmente per iscritto e con facoltà di produrre prove e testimonianze a lui favorevoli.
Di ciascuna sanzione va fatta menzione sul registro di classe e sul quaderno delle comunicazioni dell’alunno.

33. Nel caso di allontanamento dalla classe inflitto dall’insegnante, questi dovrà farne immediata comunicazione al Preside, il quale disporrà la sorveglianza dell’alunno da parte del personale della scuola.

34. I provvedimenti disciplinari che comportino l’allontanamento dalla comunità scolastica vanno deliberati in due successive sedute dell’organo collegiale, tenute in giorni distinti: nella prima riunione è definita la proposta, dopo aver completato la fase istruttoria-testimoniale; nella seconda si passa alla votazione delle deliberazioni.

35. Uno dei componenti lo staff di direzione gestirà il funzionamento di un centro di ascolto al quale saranno indirizzati tutti gli studenti sanzionati o sanzionandi. Il docente curerà che l’allievo tragga una utilità educativa dalla sanzione la quale, oltre la natura simbolica di riparazione e di affermazione della giustizia, deve avere la funzione di indurre lo studente a rimuovere le cause del disagio che hanno originato la mancanza. Il docente delegato si avvarrà, se lo ritiene, della collaborazione dei docenti del Consiglio di classe. Gli elementi di conoscenza acquisiti verranno trascritti su apposite schede personali degli alunni.

36. Lo studente che cumulerà tre sanzioni disciplinari nel corso dell’anno, avrà attribuito un voto in condotta che non può essere superiore al sei. L’attribuzione di tale voto, atteso che non condizionerà il profitto, costituirà elemento di valutazione negativo nella delineazione del profilo dello studente.
Resta inteso che episodi riconducibili a vera e propria criminalità, saranno passati per competenza all'autorità giudiziaria.

 

Organo di garanzia    torna su

37. E’ istituito presso il Liceo Scaduto un Organo di garanzia che ha il compito di pronunciarsi in via definitiva sui provvedimenti dei consigli di classe e di fornire la corretta interpretazione del presente regolamento.
Ogni qual volta si riunirà, l’Organo di garanzia stenderà uno specifico verbale nel quale indicherà dettagliatamente le caratteristiche del caso preso in esame.
Esso e presieduto dal Preside o da un suo delegato ed è così formato:
n.1 genitore
n.1 studente
n.2 docenti.

 

Criteri di formazione     torna su

38. Il rappresentante degli studenti è designato dal Dirigente Scolastico entro una rosa di 10 nomi segnalata dall’Assemblea degli studenti.
L’Assemblea studentesca elabora la rosa suddetta scegliendo tra i candidati proposti, nella misura di uno per ciascuna classe, dalle assemblee di classe.
Studenti e Dirigente prenderanno in considerazione nella loro scelta il possesso di requisiti che possono garantirle la corretta e puntuale applicazione del regolamento.
 

39. Il rappresentante dei genitori è individuato fra coloro che hanno manifestato partecipazione attiva alla vita della scuola e mostrando doti di equilibrio e senso di responsabilità.

40. I docenti vengono individuati dal Preside secondo il criterio della competenza giuridica, almeno in un caso, e della provata capacità di gestire efficacemente la relazione con gli studenti.

41. L’Organo di garanzia dura in carica un anno.
E’ data facoltà all’Organo di garanzia di sostituire uno dei membri con votazione a maggioranza.

 

Insegnamenti complementari e attività integrative    torna su

42. Gli insegnamenti complementari e le attività integrative, i progetti educativo-didattici promossi dalla scuola sono aspetti fondamentali del curriculum scolastico d’indirizzo e sono componente essenziale della formazione umana e culturale degli allievi.
I Consigli di classe sono tenuti a dare parere sull’opportunità che gli allievi partecipino a dette iniziative, ed a tenere, di conseguenza, nel debito conto l’impegno degli allievi armonizzando opportunamente iter formativo curriculare e integrativo.
Il parere del Consiglio di classe dovrà essere acquisito dai responsabili delle attività integrative e potrà essere titolo per l’ammissione alle iniziative poste in essere dall’Istituto.

43. Per gli insegnamenti complementari, per le attività integrative e per i progetti educativo-didattici comunque promossi dall’Istituto, agli alunni competono gli stessi doveri previsti per le attività curriculari.
Ogni mancanza sarà sanzionata secondo quanto previsto dal presente regolamento e, in rapporto alla gravità e recidività, potrà comportare la perdita del diritto di partecipare alle iniziative in oggetto, senza rimborso di eventuali quote di partecipazione.

44. Gli insegnamenti complementari, le attività integrative, i progetti educativo-didattici, la collaborazione ai laboratori d’Istituto e quant’altro promosso dalla scuola è oggetto di valutazione da parte dei responsabili delle suddette attività e del Consiglio di classe al fine di:

  • valorizzare attitudini, capacità, talenti dell’allievo,
  • fornirgli elementi validi per l’orientamento universitario e professionale,
  • produrre adeguata documentazione dell’attività svolta e delle abilità acquisite sia per il prosieguo dell’iter scolastico sia per il successivo iter universitario e professionale.

45. La scuola promuove, di concerto con tutte le componenti, attività autogestite dagli alunni che abbiano comunque finalità consone al Piano Educativo d’Istituto.
Dette attività sono da considerarsi pienamente libere ma non pretendono di essere inserite in una programmazione del Consiglio di Classe.
Rimane pertanto affidata alla maturità dell’allievo la necessità di non compromettere in alcun modo attraverso le attività autogestite la piena partecipazione alle attività educativo-didattiche previste dalla programmazione del Consiglio di classe.

 

Consiglio di classe     torna su

46. Il consiglio di classe è composto dai docenti di ogni singola classe, due rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti alla classe, nonché due rappresentanti degli studenti, eletti dagli studenti della classe.
Le competenze relative alla valutazione periodica e finale degli alunni spettano al consiglio di classe con la sola presenza dei docenti.

47. I consigli di classe sono presieduti dal preside oppure da un docente, membro del consiglio, suo delegato; si riuniscono in ore non coincidenti con l'orario delle lezioni, col compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all'azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione e con quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.
In particolare esercitano le competenze in materia di programmazione, valutazione e sperimentazione riguardo attività integrative e di sostegno, e in materia di sperimentazione didattico-disciplinare.
Rientrano nella competenza dei consigli di classe i provvedimenti disciplinari a carico degli alunni di cui all'articolo 31 del presente regolamento.
I consigli di classe si pronunciano su ogni altro argomento attribuito dalle leggi vigenti alla sua competenza.

 

 

Collegio dei docenti     torna su

48. Il collegio dei docenti è composto dal personale docente di ruolo e non di ruolo in servizio nell'istituto, ed è presieduto dal preside.
Il collegio dei docenti:
a) ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell'istituto. In particolare cura la programmazione dell'azione educativa anche al fine di adeguare, nell'ambito degli ordinamenti della scuola stabiliti dallo stato, i programmi di insegnamento alle specifiche esigenze ambientali e di favorire il coordinamento interdisciplinare. Esso esercita tale potere nel rispetto della libertà di insegnamento garantita a ciascun docente;
b) formula proposte al preside per la formazione, la composizione delle classi e l'assegnazione ad esse dei docenti, per la formulazione dell'orario delle lezioni e per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal consiglio d'istituto;
c) delibera, ai fini della valutazione degli alunni e unitamente per tutte le classi, la suddivisione dell'anno scolastico in due o tre periodi;
d) valuta periodicamente l'andamento complessivo dell'azione didattica per verificarne l'efficacia in rapporto agli orientamenti e agli obiettivi programmati, proponendo, ove necessario, opportune misure per il miglioramento dell'attività scolastica;
e) provvede all'adozione dei libri di testo, sentiti i consigli di classe e, nei limiti delle disponibilità finanziarie indicate dal consiglio di circolo o di istituto, alla scelta dei sussidi didattici;
f) adotta o promuove nell'ambito delle proprie competenze iniziative di sperimentazione;
g) promuove iniziative di aggiornamento dei docenti dell'istituto;
h) elegge, in numero di tre (scuole fino a 900 alunni) i docenti incaricati di collaborare col direttore didattico o col preside; uno degli eletti sostituisce il direttore didattico o preside in caso di assenza o impedimento.
i) elegge i suoi rappresentanti nel consiglio di istituto;
l) elegge, nel suo seno, i docenti che fanno parte del comitato per la valutazione del servizio del personale docente;
m) programma ed attua le iniziative per il sostegno degli alunni portatori di handicap;
n) esamina, allo scopo di individuare i mezzi per ogni possibile recupero, i casi di scarso profitto o di irregolare comportamento degli alunni, su iniziativa dei docenti della rispettiva classe e sentiti gli specialisti che operano in modo continuativo nella scuola con compiti medico, socio-psico-pedagogici e di orientamento;
o) esprime al preside parere in ordine alla sospensione dal servizio e alla sospensione cautelare del personale docente quando ricorrano ragioni di particolare urgenza ai sensi degli articoli 468 e506 D. L.vo 16 aprile 1994, n. 297;
p) esprime parere, per gli aspetti didattici, in ordine alle iniziative dirette alla educazione della salute e alla prevenzione delle tossicodipendenze previste dall'articolo 106 del testo unico approvato con decreto del presidente della repubblica 9 ottobre 1990 n. 309;
q) si pronuncia su ogni altro argomento attribuito dalle leggi vigenti alla sua competenza.

49. Nell'adottare le proprie deliberazioni il collegio dei docenti tiene conto delle eventuali proposte e pareri dei consigli di classe.
Il collegio dei docenti si insedia all'inizio di ciascun anno scolastico e si riunisce ogni qualvolta il il preside ne ravvisi la necessità oppure quando almeno un terzo dei suoi componenti ne faccia richiesta; comunque, almeno una volta per ogni trimestre o quadrimestre.
Le riunioni del collegio hanno luogo durante l'orario di servizio in ore non coincidenti con l'orario di lezione.
Le funzioni di segretario del collegio sono attribuite dal dal preside ad uno dei docenti eletto a norma del precedente articolo, lettera h.

 

Consiglio d’Istituto e Giunta esecutiva    torna su

50. Il consiglio di istituto, è costituito da 16 componenti, di cui 4 rappresentanti dei genitori degli alunni, 4 rappresentanti eletti dagli studenti 6 rappresentanti del personale docente, uno del personale amministrativo, tecnico e ausiliario, e il preside.
I rappresentanti del personale docente sono eletti dal collegio dei docenti nel proprio seno; quelli del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario dal corrispondente personale di ruolo o non di ruolo in servizio nell'istituto; quelli dei genitori degli alunni sono eletti dai genitori stessi o da chi ne fa legalmente le veci; quelli degli studenti, dagli studenti dell'istituto.
Possono essere chiamati a partecipare alle riunioni del consiglio di circolo o di istituto, a titolo consultivo, gli specialisti che operano in modo continuativo nella scuola con compiti medico, psico-pedagogici e di orientamento.

50. Il consiglio di istituto è presieduto da uno dei membri, eletto, a maggioranza assoluta dei suoi componenti, tra i rappresentanti dei genitori degli alunni. Qualora non si raggiunga detta maggioranza nella prima votazione, il presidente è eletto a maggioranza relativa dei votanti. Può essere eletto anche un vice presidente.
Le riunioni del consiglio hanno luogo in ore non coincidenti con l'orario di lezione.
Le funzioni di segretario del consiglio o di istituto sono affidate dal presidente ad un membro del consiglio stesso

51. Il consiglio di istituto elegge nel suo seno una Giunta esecutiva, composta di un docente, di un impiegato amministrativo o tecnico o ausiliario e di un genitore e un rappresentante eletto dagli studenti. Della giunta fanno parte di diritto il preside, che la presiede ed ha la rappresentanza dell'istituto, ed il capo dei servizi di segreteria che svolge anche funzioni di segretario della giunta stessa.
Il consiglio di istituto e la giunta esecutiva durano incarica per tre anni scolastici. Coloro che nel corso del triennio perdono i requisiti per essere eletti in consiglio vengono sostituiti dai primi dei non eletti nelle rispettive liste. La rappresentanza studentesca viene rinnovata annualmente.

 

Assemblee degli studenti e dei genitori  torna su

52. Le Assemblee degli studenti sono un momento importante della vita scolastica e pertanto richiedono una adeguata programmazione e la massima partecipazione.
L'assemblea di istituto deve darsi un regolamento per il proprio funzionamento che viene inviato in visione al consiglio di istituto.

53. L'assemblea di istituto è convocata su richiesta della maggioranza del comitato studentesco di istituto o su richiesta del 10% degli studenti.
La data di convocazione e l'ordine del giorno dell'assemblea devono essere preventivamente presentati al preside.

54. Il comitato studentesco garantisce l'esercizio democratico dei diritti dei partecipanti.
Il preside ha potere di intervento nel caso di violazione del regolamento o in caso di constatata impossibilità di ordinato svolgimento dell'assemblea.

55. Le assemblee dei genitori possono essere di sezione, di classe o di istituto.
L'assemblea dei genitori deve darsi un regolamento per il proprio funzionamento che viene inviato in visione al consiglio di istituto.
I rappresentanti dei genitori nei consigli di classe possono esprimere un comitato dei genitori dell'istituto.
Qualora le assemblee si svolgano nei locali dell’istituto, la data e l'orario di svolgimento di ciascuna di esse debbono essere concordate di volta in volta con il preside.
In relazione al numero dei partecipanti e alla disponibilità dei locali, l'assemblea di istituto può articolarsi in assemblee di classi parallele

56. L'assemblea di classe e di sezione è convocata su richiesta dei genitori eletti nei consigli di classe; l'assemblea di istituto è convocata su richiesta del presidente dell'assemblea, ove sia stato eletto, o della maggioranza del comitato dei genitori, oppure qualora la richiedano duecento genitori.
Il preside, sentita la giunta esecutiva del consiglio di istituto, autorizza la convocazione e i genitori promotori ne danno comunicazione mediante affissione di avviso all'albo, rendendo noto anche l'ordine del giorno. L'assemblea si svolge fuori dell'orario delle lezioni.
All'assemblea di sezione, di classe o di istituto possono partecipare con diritto di parola il preside e i docenti rispettivamente della sezione, della classe o dell'istituto.

 

Orario e rapporti con le famiglie   torna su

57. La presidenza comunica, anno per anno, l’orario delle lezioni e il diario dei colloqui tra docenti e genitori.
L’orario di ricevimento dei genitori da parte dei singoli docenti viene stabilito all’inizio di ogni anno da parte del Collegio dei docenti.
La presidenza si riserva il diritto di sciogliere le classi prima dell’orario prefissato, ovvero di ritardarne l’ingresso, previa comunicazione alle famiglie, nei casi in cui motivi di forza maggiore non consentano il regolare svolgimento delle lezioni né l’assistenza di altri docenti della scuola.

 

Sperimentazione metodologico-didattica    torna su

58. La sperimentazione, intesa come ricerca e realizzazione di innovazioni sul piano metodologico-didattico, deve essere autorizzata dal collegio dei docenti ove, pur non esorbitando dagli ordinamenti vigenti, coinvolga più insegnamenti o richieda l'utilizzazione straordinaria di risorse dell'amministrazione scolastica.

59. A tal fine i docenti che intendono realizzarla ne presentano il programma al collegio dei docenti e al consiglio di intersezione, interclasse o di classe per le rispettive competenze.

60. I consigli di intersezione, di interclasse o di classe, esprimono il loro parere per quanto concerne le iniziative di sperimentazione che interessano le sezioni, le classi o la classe comprese nell'ambito di propria competenza.

61. Il collegio dei docenti, dopo aver sentito il consiglio di istituto, approva o respinge, con deliberazione debitamente motivata, i programmi di sperimentazione.

62. L’iscrizione al Liceo Francesco Scaduto implica l’accettazione incondizionata del presente regolamento di cui è consegnata copia all’atto della iscrizione.